• L'unica lista davvero civica fatta da cittadini per Sarzana
Mai cuntenti, Archivio

Amilcare, Vilfredo e la Strada Littoria

(all rights reserved – tuti i diriti i en riservà)

Anno 1939.
Luogo: un paesino di circa 20.000 anime assai distante da qui.

Forse, neanche italiano.
Amilcare, gerarca incontrastato, incontra Vilfredo, il suo segretario federale, nella piazza principale.

“O Vilfredo…”
“Dime, Amilcare…”
A: “Ma i te l’han portà quela damisana de vin bon ch’i t’aveo ‘mprumisso?”
V: “No, ‘r to amigo i’n ghe l’a fata manco stavòta… la strada l’ere blocà…”
A: “Torna! Ma l’è proprio na situazion ‘mpusibile!”
V: “Ma cus’te pretenda, s’aven costruì lì l’stadio p’r i Zoghi Littoriali, ‘r campo de tiro a segno, quelo da tenis…”
A: “Oh, ocio, se dìa palacorda!”
V: “Si, palastamozza! E poi la pista dele boce, la pala uvale, l’ochei… ghe manca solo la pissina!”
A: “Ssssssss, zito, ‘n te far sentire a dir quela parola. Si te sento quei gufazi i arcumenzo con la menada dela pissina che la n’è fenì… E po’ sta calmo, a ne puden mìa far trapelare ‘r ziramento de cojon! Arcordete ch’i g’an prumisso quer posto ar Regio Acquedoto s’a sten bravi e a rezen ancora p’r un par d’ani…”
V: “Sì, ma l’è dura… I g’an lassà ‘na situazion de merda propriu! Tuto che scalama e nessun posto da ‘nprumetere per tegnir bona la gente…. O, sta calmo e fa finta de niente ch’i stan passando ‘r gufo seco e quer lungo… Buongiorno!”
A: (a bassa voce): “Che ghe vegnisse un po’ de ben a l’un e a l’autro. Ar truveren prima o poi ‘r modo de metergi ‘n galera tuti doi…”
V: (a bassa voce): “A ghe sten laùrando… E po’ arcordete sempre ‘r nostro deto: ‘L’è mei vivere zento giorni da farcheto che ‘n giorno da gufòn!’”

Arriva in quel mentre il fiduciario del gruppo rionale, Giangaleazzo.

G: “O, cum’a sen missi con ‘r nostro prugeto sulla ‘Via Nova dello Stadio Littorio?’”
A: “Te capita a pruposito! A ne stevimo parlando proprio adè”
GG: “Me a son ‘nzamò atrezà… o portà la tesora per fare i cavei ai arcipressi…”
V: “A t’amiro, te sen sempre focalizà sule priorità!”
A: “Sì, ma tegnì presente c’a g’aven quer prublema…”
V: “Anzi, doi. Er fato c’aven ciapà i sodi dar Gran Cumpartimento per ben 2 vòte p’r er medesimo prugeto e ‘r fato che quarchidun s’n po’ acòrzere…”
A: “Senza cuntare che ‘r nostro prugeto i fa Superbamente e Splendidamente Oibò!”
V: “E brao! Falo te ‘n prugeto serio con quei poghi sòdi lì…”
A: “Vabè, ma propriu a me te me vo arcuntare sta moza, quando a saven ben che na parta de quei sòdi i servo a tapar…”
V: “Zito, che chì anche i muri i g’an le urecie! Putosto… A duven pensare a cume se la caverén quandu la gente de Via Delardilà, c’a g’aven prumiso de salvarla dar trafico de sumari e careti, la cuntinuerà a artruvarse careti e sumari anche ‘n cà…”
A: “…quei de Via BorguLiberu i g’avran ‘n viavai de Mezi Mecanici soto le fenestre che prima i’n g’aveo”
GG: “… O pensà a ‘n tagio a la franzesa, con la sfumatura alta. E d’le funtanele con atacà ‘na paleta d’ lecio per arcugir le deiezion d’i sumari e d’i Mezi Mecanici…”
A: “A la franzesa ‘n se pò, semai sobriamente maschio con rasatura a zero… Ma arturnen ar tema: cus’arcunten?”
V: “E cus’te vò ancuntare? Fen a la solita manera… Butense avanti a testa bassa, tanto – con tuto quelo c’aven cumbinà – a sen sempre chì!”

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi