• L'unica lista davvero civica fatta da cittadini per Sarzana
Territorio & Ambiente, Archivio

Il dibattito che non c’è stato

Intervista immaginaria di Laura Lazzarini, reporter improvvisata

Con una scelta a nostro parere discutibile, il Partito democratico in toto ha scientemente programmato di non intervenire al dibattito su Marinella (questo).

In alternativa, hanno organizzato, lo stesso giorno alle ore 12.30, una conferenza stampa a senso unico (qui).

Abbiamo così deciso di immaginare il dibattito che non c’è stato…

Gentili esponenti del PD sarzanese, che ne pensate delle iniziative di partecipazione della cittadinanza?

Risponde il segretario Vasoli (cliccare sull’immagine):

Pur rispettando la vostra scelta di ritirarvi su una torre d’avorio, contestiamo tuttavia l’affermazione circa la mancanza di proposte da parte di chi ha partecipato al dibattito che vi ha visto assenti. Il Consigliere regionale Battistini dettaglia, punto punto, alcune proposte di rivalutazione addirittura dell’intero comprensorio di Marinella (dal minuto 01:30, qui). Così come il Consigliere comunale Valter Chiappini sostiene che un’amministrazione possiede gli strumenti per obbligare il privato a farsi carico del bene posseduto, per mettere a norma la linea demaniale a favore della comunità e dei balneatori, per reperire i fondi regionali che consentano la partenza della stagione balneare in tempi consoni (qui).  Voi cosa state facendo, piuttosto?

Caleo:

Quindi rivendicate una responsabile azione super partes nei confronti delle trattative di vendita della tenuta a salvaguardia dei posti di lavoro. Ricordiamo però la bufala Spezianello (qui) e la campagna elettorale del 2015 con la proposta Farinetti (qui). Siamo nel 2015. Poi il nulla, come se nel frattempo la situazione si fosse fermata invece di degenerare come ci confermato i lavoratori della tenuta, costretti a produrre con macchinari obsoleti e mai manutenuti. Il nulla fino all’arrivo dei liquidatori della Marinella S.p.A., praticamente il giorno dopo quello in cui avete scelto di essere l’unico interlocutore politico nella questione, avendo negato ai capigruppo del Consiglio Comunale di partecipare all’incontro a Siena con la Monte dei Paschi (qui… vi avremmo chiesto il perchè, ma ce lo avete impedito). Che ci dite dell’operazione Bonifiche ferraresi?

Caleo (cliccare sull’immagine):

Tempi? Garanzie? Presa in considerazione di altre offerte locali che sappiamo esistere? Notizie sugli esiti delle indagini sugli incendi dolosi? Queste e altre domande avremmo fatto al senatore, ma…

Passiamo al primo cittadino. Qual è a suo parere l’importanza di Marinella per il Comune di Sarzana?

Cavarra (cliccare sull’immagine):

Se questa è la sua opinione, perchè non ha seguito lo stesso iter che ha portato il sindaco di Ameglia ad assicurare l’entrata in vigore del Piano del Litorale in tempi brevi (qui)? Perchè si è piegato ad adottare la procedura di Vas – obbligatoria – solo quando richiamato all’ordine dalla Regione, ha ottusamente optato per non adottare a monte le indicazioni di buon senso provenienti dell’ente Parco, dai Comitati, dall’opposizione  e ha presuntuosamente deciso di non adottare le prescrizioni tornate come un boomerang dagli uffici regionali (qui… vedere in particolare il passaggio “consumo di suolo massiccio: la superficie degli insediamenti passerebbe dai 8.845 metri quadrati a 45.735”!) gettandosi in un costoso ricorso al TAR? Ci dica la sua.

Cavarra (cliccare sull’immagine):

A causa di questo contraddittorio non voluto, ci spiace non possa rispondere all’accusa della Consigliere di maggioranza Pucciarelli, assai vicina al Presidente Toti, che vi taccia di ottusa presunzione (qui). Ma passiamo all’argomento tenuta. Cos’ha da dire?

Cavarra (cliccare sull’immagine):

Accogliamo con piacere l’autocritica sul tempo perduto “dalle passate amministrazioni”. Vorrà sicuramente superarla dicendoci quanto di buono è stato fatto…

Ci corre l’obbligo di farle presente che: 1) Parmignola: intervento ripartito dopo che Battistini, Chiappini per Sarzana, Fantini per Ortonovo hanno organizzato un raid, accompagnati dai cittadini, per constatare lo stato di estremo pericolo (qui la storia); 2) la minaccia del torrente va ben oltre il valore economico dei terreni circostanti; 3) i cittadini sono stufi di sentirsi rinfacciare le dovute fognature e saranno contenti di vincere la Sfida Del Quartiere In Cui si E’ Più Investito.

Buona replica. La prossima volta.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi