• L'unica lista davvero civica fatta da cittadini per Sarzana
Archivio

La colpa l’è ‘na bela dona…

La colpa l’è ‘na bela dona…

Sarzana, 1346. Infuria la peste nera, ma gli indefessi operai comunali sono al lavoro.
Bepin
: O Giusé…
Giusè: Dime, Bepin, ma sta a doi metri de distanza!
B: Ma duman l’autro la gh’é ‘r mercà?
G: No,’mpusibile…’N t’er sé c’gh’é tuto serà…
B: Ar so sì, cust’ te creda… Manco ‘n’ ustaria d’ andarse a ber’n goto de quer bon… No, a ter diseo perché i g’an ato sto cartelo d’atacar…
G: E cus’gh’é scritu?
B: “Giuvedì, mercà”
G: E sì… Che strano… Disenlo ‘n po’ ar Cumandante prima d’far na belinà… O Cumandante…

Cumandante: Dime Giusé
G: Ma stu cartelo…
C: Giuv… Nooo, ma l’é ‘npusibile… A cunsumen le rode per cunvinzere i semi ch’i n’ an capì ‘n belin a turnarsene ‘n cà, e adé cus’ l’é sta nuvità? Fame ‘n po’ ciamar er Segretariu… Tritri Tritri… O Segretariu…

Segretariu: I me disa, Cumandante
C: Ma chi é ‘r belinon chi a ato’ r cunsenso p’r fare ‘r mercà?
S: ‘R presidente der Cunsiglio!
C: Chiiii, Rampi? I sarà quer chi sarà, ma i n’é davero cusì semo… (nota dell’autore: Rampi esisteva già nel 1346; e già allora era noto per le importanti iniziative che proponeva SOLO quand’era all’opposizione)
S: Ma che Rampi e Rampi… No, quer de Roma!
C: Ah, quer de Roma i a ito d’fare er mercà a Sarzana Giuvedì prosimo?
S: Ma figurete… No, i a lassà na belinada ‘n ter decreto, e noi a n’aven subito aprufità! P’rò, i me fa vegnir ‘n dubio c’la sia na belinada tropu grosa… I aspeta c’a ciamo l’Asesor ‘n vivavoce… Tritri Tritri… O Asesor

Asesor: I me disa, Segretariu
S: Ma a sen sicuri d’vuler cunfermare ‘r mercato giuvedì?
A: E certo! Se ‘r decreto i disa na belinada, chi se nuiautri per cuntradirlu?
C: I me scusa s’antervegnu, ma se i ghe diseu d’ salire su ‘n’ aquila e andar a schiantarse sur Parodi, ar fevimu?
A: Che c’entra l’aquila, suvvia! Qui interviene l’Alta Politica… Quale migliore occasione per dimostrare l’inettitudine del Governo?
S: E certo!
C: Me a me rifiutu… Gh’er disé vuiautri a Bepin d’andare a atacar ‘r cartelo…
S: A gh’er diso me… Tritri Tritri… Bepin?

Bepin: O Segretario, quale unore… I me disa…
S: Bepin, t’sen sta te a sulevar stu vespaiu d’r mercà? Areva ben l’urece: te, urtimo tra i urtimi, ‘n te te deve mai pù p’rmetere de meter boca ‘n te l’è decision superiori. T’é capì?
B: Meeee, me no davero! I è sta Giusé, quer vecio comunista rompibaloti. Er cartelo? I faga contu de vederlo ‘nzamó atacà…

Atto teatrale by Laura Lazzarini

Cum’ la finisa la storia?
ch’r popolo i ‘s’aribela e ‘r Podestà i’artira tuto: “me la corpa a’n la voi”!
Pensarghe prima no, eh?

 

Previous Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi