• L'unica lista davvero civica fatta da cittadini per Sarzana
Territorio & Ambiente, Sviluppo economico, Partecipazione Trasparenza & Amministrazione, Archivio

Mareggiata sulla linea demaniale!

Se la linea demaniale fosse dove pensiamo debba essere secondo quanto ci hanno spiegato, il piano di rivalutazione del litorale costerebbe enormemente meno, gli introiti delle concessioni sarebbero più alti e minori sarebbero i rischi per chi deve investire, senza la paura che un domani possa venire espropriato il pezzo che si compra pagandolo profumatamente alla Marinella S.p.a. proprio per una ridefinizione della linea demaniale.
Al di là di questo, visto che sembra che con la ridefinizione della linea demaniale nel 2010 abbiano avuto un occhio di riguardo per la Marinella S.p.a., padrona oggi di una striscia di terra quasi senza valore che domani verrebbe venduta con un guadagno di 10/12 milioni di euro, vi pare corretto che in cambio dell’operazione avviata dal Comune, che porterebbe quella cifra nelle casse della Società, la contropartita sia pari a 48.000 “miserabili” euro della parcella dei progettisti?
Vuoi vendere quella striscia che oggi non vale praticamente nulla a quella cifra? “Caccia il grano” che ci paghiamo un po’ di debiti… …invece no.
E si che la Monte dei Paschi & Co. mi pare abbiano già avuto abbondanti aiutini!
Il testo integrale del Comunicato ai quotidiani locali:
<<Attendiamo con fiducia l’ufficializzazione da parte della regione dell’esito del percorso di V.A.S. e dell’inchiesta pubblica sul “piano spiagge” di Marinella ed, ovviamente, esprimiamo grande soddisfazione per le conferme che stanno venendo avanti su quanto avevamo già detto, sia sulle questioni ambientali, che su quelle dell’iter del progetto, anche in sede di Consiglio Comunale dove la nostra mozione sull’illegittimità dell’approvazione del piano è stata arrogantemente bocciata dalla maggioranza, ma poi confermata dalla Regione stessa.
Oggi è certo che il piano slitterà e Marinella dovrà ancora attendere per il rilancio del suo litorale per colpa di una Amministrazione che ha pensato solo a fare cassa il prima possibile, che ha escluso l’abitato dal progetto, e non ha valutato che pochi fra gli operatori balneari hanno le possibilità di investire e il coraggio di farlo di fronte ad un futuro incerto, spianando la strada agli affari della Marinella S.p.A., che ben si guarda dal pensare alla riqualificazione del borgo storico compensando la possibile speculazione immobiliare con le poche decine di migliaia di euro che coprono il costo della progettazione.
Come abbiamo già detto in Consiglio, ed oggi confermato proprio dal presidente del Consorzio balneatori, noi riteniamo che costringerli ad acquistare la striscia privata retrostante la spiaggia sia di impedimento alla riuscita di qualsiasi piano e compromettente rispetto ai futuri bandi per le concessioni demaniali previsti anche dalla direttiva Bolkestein. Per questo vogliamo rimarcare la nostra convinzione che debba essere rivista proprio la linea demaniale, che nell’attuale delimitazione ci sembra favorire impropriamente la proprietà delle aree su cui si dovrebbe ricostruire, se è vero che le norme impongono la sua individuazione laddove arriva l’onda di mareggiata, ovvero molto più a monte dell’attuale e per lungo tratto proprio fino alla strada litoranea. Convinzione rafforzata da pareri tecnici in questo senso, da contenziosi ancora in essere sulla definizione effettuata nel 2010 e dalle affermazioni del progettista architetto Lucchesini, che ben ha spiegato come le nuove costruzioni, previste nella striscia oggi di proprietà della Marinella S.p.A., dovranno essere rialzate su pali anche per permettere all’onda di mareggiata di passare sotto oltrepassandole. Ecco quindi che, se abbiamo ragione, la corretta definizione della linea di mareggiata comporterebbe il passaggio del terreno al demanio, l’impossibilità della Marinella di pretendere impropriamente l’acquisto della striscia a ridosso della spiaggia e un cospicuo abbattimento dell’impegno economico dei concessionari con maggior possibilità che il progetto di riqualificazione vada in porto.
Per questo attraverso il nostro Consigliere regionale Francesco Battistini ci impegneremo in Regione per questo obbiettivo.
Sarzana 26 Novembre 2015
Valter Chiappini
Consigliere Comunale Capogruppo

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi