• L'unica lista davvero civica fatta da cittadini per Sarzana
Mai cuntenti, Archivio

‘r prugrama (atto secondo)

(all rights reserved – tuti i diriti i en riservà!)

L’E’ NA CUMEDIA (in 4 atti)

ATTO SECONDO

(qui l’atto primo)

 

Giobata: … ma passen a l’autro argumento scutante…

Gorpa: la funtanela de piaza mateoti c’ la ne funziona!

Giobata: e tutavia la funziona mei ch’ r to zervelo… A ‘ntendeo la sicurezza!

Giobata: chì, a duven ‘nterpelare la Marfisa.
L’è lé  ch’ la s’ocupa d’ste cose…
O Marfisa! A duven scrivere quarcò sula sicurezza…

La Marfisa si avvicina con prudenza:
la punta delle sue decolleté in vernice nera lucida
si pianta continuamente nei ciaponi medievali.
Passetto dopo passetto,
da lì a dieci minuti è in grado di esprimere il suo dotto parere.

Marfisa: (fra sé): prima delibera d’zunta: “Via i ciapon dar centru storico!”
(poi rivolta ai due): ‘N te vurè mia dar amento a quei mugugnon ch’i diso che Castruccio la n’è sicura?
Per doi motorin e do biciclete ch’i an rubà e trei canne spaccià a la stazion.
Per quelo a g’aven i vigili…

Giobata: p’r l’amor de dio, n’er dir manco p’r scherzo! ‘r diktat d’r partito i è:
“Fen finta ch’i vigili i n’esisto!”

Gorpa: e me a obedisso senza prublemi…
E alora cusa g’armana? La lince?!?

Giobata: còrpu de genio!
Asét’te, c’a ne vurei ch’ troppo sango afluì ar zervelo tuto d’en bòto i t’ fesse malu
(mentre Gorpa si siede, Giobata scrive, poi cancella, poi riscrive, si gratta la testa e poi riesce a metter insieme un’espressione intelligente)

UNA CITTA’ PIU’ SICURA. E’ necessaria la fattiva collaborazione con le forze di Polizia e i Carabinieri, tuttavia, per garantire un presidio costante del territorio, riteniamo indispensabile predisporre un piano di pattugliamento diurno e serale di tutta la città e delle periferie, attraverso il coinvolgimento di istituti di vigilanza privata.

Gorpa: e ora bech’te anche sta chi:
TELECAMERE! (e ha un mancamento)

Giobata: O maaaa! Gorpa, a te l’aveo ito de non esagerare cun le idee!
Arciap’te, che te stè devegnindu ’na fonte d’ispirazion…
(solita grattata, solito sforzo per metter insieme un’espressione intelligente)

VIDEOSORVEGLIANZA. Provvederemo ad implementare questo servizio nelle zone che i cittadini avvertono come più pericolose e a rischio criminalità.

Marfisa (fra sé): … telecamere de carton, ovio;
s’n’donche toca meterghe querchidun dadrè a cuntrolargi…

Giobata: Adè, dopo ste cose banali,
pensen ‘n po’ a quarcò de muderno,
magari in inglish che n’ ghe sta mai malu…

Gorpa (scattando in piedi): BRIOSCH! OMELĖT! BAGHĖT!

Giobata: si, e TUALET, belinon!
Ghe vuresse quarcos’autro per er comercio,
per fargi calmare ‘n po’ dopo ch’avren costruì er supermercato a Palodola.
T’ven ‘n mento quarcò? O
ooooo (alzando la voce), a ghe l’o cun te, rospòn!

Gorpa: Oh, ma me a son straco! E cus’te urla, che te para Vana Marchi quandu la feve telemarchetin!

Giobata: No, an ghe credo che te cugnossa na parola cussì dificile.
Marketing…
Autro che Castrucio Outlet c’a m’ero ‘nventà me quando ero assessor!
A duvren far ‘nvidia ale scarpe der Forte e ale fugazete ripiene d’la Pia.
A duven adotare ‘r simbolo pù acativente der mondo, un che quand’ir vedo i stramazzo da l’emozion!
Eco chì! (e scrive)

RILANCIAMO L’IMMAGINE DI CASTRUCCIO con una profonda e innovativa campagna di marketing. Vogliamo permettere alla città di dispiegare tutte le sue potenzialità, promuovendo e sostenendo la libera iniziativa in tutti quei settori che da sempre costituiscono il traino e il volano della nostra economia (cultura, turismo, commercio).

Marfisa: cumercio, turismo, cultura i en quasi sistemà.
Cus’te dia s’a pensen ala rumenta?

Gorpa: Per quela, ‘n te preocupare,
quela a ghe l’ho portà me ar cassonetu.

Giobata: E ‘nvece son propriu preocupà…
S’a vinzen, t’ dovrè esser te, Gorpa, a ocuparte d’la racolta diferenzià

Gorpa: e cuse ghe vò?
A ghe den quatru sacheti marzi e a ghe disen de lassargi fora c’a passen nuiautri a
arcugirgi

Marfisa: e i bar?

Gorpa: e sì, t’gh’è rason, i bar l’è un po’ pù cumplicà…
Lassegheme pensare…
Ah sì, a ghe son: a gh’ den 4 mastei marzi e a ghe disen de lasargi fora c’a passen nuiautri a
svuitargi

Giobata: t’ m’è quasi cunvinto.
Ma te sé cus’a te dio?
C’a se fen agiutare da Giangaleazzo e dala Frassassa,
ch’i en sempre focaizà sur concreto e sur prioritario,
e cum’i san le cose loro n’ gi sa nissun! O Fra!

Frassassa sopraggiunge incerta, ma con l’occhio che già barluzega…

(continua)

 

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi