• L'unica lista davvero civica fatta da cittadini per Sarzana
Archivio

Riflettiamoci bene. La strada pare segnata.

Una riflessione sulla situazione dei nostri servizi sanitari locali sulla base di quanto sta avvenendo anche a livello nazionale.

Purtroppo, per noi della ASL 5, questi studi lavorano sulle “medie regionali” e non mettono in evidenza le situazioni dei singoli territori all’interno delle regioni prese in esame. Stando allo studio la Liguria non è messa bene (ma si sapeva)  anche se, come si evince dai colori nella cartina, ci sono regioni messe peggio, a dimostrazione che è prevalmentemente diffuso il progressivo peggioramento del Servizio Sanitario Nazionale.

Nel “non essere messa bene”, come media regionale, ci sta però, ahinoi, il fatto che il nostro territorio è quello messo peggio di tutta la regione.
Ne consegue, quindi, che il nostro territorio è al livello del “profondo sud”, perchè il “centro” della regione assorbe risorse destinate alla periferia, nel nostro caso pure di più di quelle che mediamente gli servirebbero.

Non a caso anche Imperia è messa male, anche se non come il nostro territorio, e non a caso l’obbiettivo della Regione è costruire altri 600 posti ospedalieri coi soldi pubblici da assegnare ai privati per decenni in concorrenza col San Martino ed il Galliera (quest’ultimo è già un ospedale privato).
Come pensano di riempirli, visto che hanno già più posti letto di quelli che i coefficienti di legge assegnano ad ogni singolo territorio se non obbligando i cittadini dei territori periferici ad andare là?

Ora occorre proiettare la situazione in un prossimo futuro probabile (e che nessuno smentisce): centralizzare praticamente tutto vuol dire costringere i pazienti a cercare risposte dove vengono centralizzati i servizi e le risposte. Questo, al momento, è “mitigato” dal fatto che dalla ASL 5 gli utenti “fuggono” per trovare risposte in Toscana, prevalentemente perchè più vicina e con meno tempo di attesa, o in Lombardia o a Genova, perchè lì hanno le “eccellenze e i numeri” (sempre ammesso che sia, visto che anche da noi abbiamo eccellenze e forse per questo cercano di tagliarle).
Oppure, chi può cerca privati vicini a pagamento.
Questo perchè ora è ancora possibile recarsi fuori regione per potersi curare, ma se passasse il “regionalismo differenziato”, anticamera del federalismo puro? Se Genova padrona decidesse, prima o poi, che fuori regione non si può più andare se non pagando di tasca propria?
E discorso a parte, ma non meno preoccupante, è quello dell’allargarsi delle assicurazioni, anche questo sistema anticamera del fatto che “chi potrà si curerà, gli altri?”. Oggi “assicurazione integrativa”, domani “assicurazione sostitutiva”? Ma le Assicurazioni costano e ben sappiamo anche come lavorano per fare profitto.
Seguite la battaglia del “manifesto per la sanità locale” attraverso il gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/sanita.spezzina/

Valter Chiappini
Presidente Associazione civica Sarzana in movimento
Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi